Castellum Axia e l’acropoli scomparsa…

Castellum Axia and the invisible Etruscan Acropolis…

img_7932

Seconda puntata a Castel d’Asso vicino Viterbo in una valle decisamente non solo meravigliosa dal punto di vista visivo ma piena di energie dimenticate, alla ricerca dell’acropoli etrusca, in una giornata uggiosa ma fortunatamente non molto fredda. Una bellissima passeggiata nella quale peraltro sono riuscita a vedere alcuni particolari della necropoli che non avevo notato la volta precedente. Come nella foto qui in basso alcune tombe hanno iscrizioni che indicano la famiglia di appartenenza.

I did another exploration in the site of the ancient Etruscan Axia, not far from the modern town of Viterbo to try to locate its acropolis. The place with its gorgeous canyons it is amazing, not only for the green images that capture the eyes of everyone that walks around, but, also because of the many energies that we can feel here. It was a fabulous 3-hours walk in a rainy but not too cold day. I also managed to capture some details of some family Etruscan tombs engraved in the tufa stone, as showed in the picture below.

snapseed-151

Attraverso il ponte che collega l’acropoli con la necropoli, anche questo come quello romano già crollato probabilmente non avrà vita lunga e quindi mi avventuro in cima alla rocca dove si trova il castello medievale anche quello rigorosamente abbandonato ma, dell’acropoli di Axia non c’è traccia.

I managed to cross the river which had to connect the necropolis to the acropolis, although this bridge as the Roman one (which has already collapsed) will not have a long life because it is very damaged. Then as the video shows I made my way to the top of the hill where I only found the abandoned Medieval castle but there is no evidence of the acropolis of Axia.

snapseed-147

Scomparsa come la civiltà etrusca. Nessun tipo di segno di nulla. Ma cercherò di darvi altre informazioni in merito a questo bellissimo sito. Per ora potete guardare le mie foto ed il mio video!

Disappeared as the Etruscan civilization. Nothing to see. I will anyway, searching for clues in the site to try to give you some information about this amazing site. For now you can see my pictures and my short video!

snapseed-146

snapseed-152

snapseed-148

snapseed-149

Non ut edam vivo, sed ut vivam edo (Marcus Fabius Quintilianus)

postumio.jpg

Cosa mangiavano gli antichi romani e come dividevano i pasti?

Which was the food and how were the meals of the ancient Romans?

La sobrietà alimentare era una caratteristica della virtus romana tipica del periodo originario che derivava dalle leggende in cui Enea durante la sua travagliata navigazione durata sette anni si era potuto alimentare con i suoi marinai quasi esclusivamente della polenta di farro accompagnata dai pesci pescati durante il viaggio e dalla poca carne acquistata nei porti.

L’alimentazione antica era fatta soprattutto di vegetali, come era abitudine degli etruschi dai quali nei periodi di carestia provenivano a Roma lungo il Tevere i rifornimenti di grano («ex Tuscis frumentum Tiberi uenit») che permisero dal II secolo a.C. la produzione del pane di cui  esistevano tre qualità: quello candidus, fatto di farina bianca finissima, secundarius sempre bianco ma con farina miscelata ed infine quello plebeius o rusticus una specie di pane integrale.

Dagli stessi etruschi che erano all’epoca commercianti molto più agiati, giunse a Roma l’abitudine di nutrirsi di un cibo più variato e ricco di proteine costituito sia da selvaggina che da animali di allevamento. Successivamente quando Roma entrò in contatto con i Greci che erano stanziati in Magna Grecia, si cominciarono ad apprezzare i frutti dell’olivo e della vite che i romani avevano usato fino a quel momento soprattutto per i riti religiosi. A partire dall’età di Augusto, con la conquista dell’Oriente e gli intensi rapporti commerciali con l’Asia arrivò a Roma «tutto quanto la terra produce di bello e di buono». e l’alimentazione romana si raffinò: al cibo inteso come puro sostentamento cominciò in epoca imperiale a sostituirsi, anche con l’uso delle spezie e dei profumi, si specializzò la cultura del cibo, passando dalla pura alimentazione alla cura dei sapori.

The food soberness was a characteristics of the Roman virtus of the  legendary ages, in which Aeneas during his seven-year-old navigation fed himself together with his crew only with wheat polenta, fish and small quantities meat bought in harbors.

The ancient food consisted primarily of vegetables, as it was used by their neighbour  Etruscans, from whom came to Rome along the Tiber, during shortages wheat, «ex Tuscis frumentum Tiberi uenit», and which allowed  the Romans, from the II century B.C., to produce bread of three different qualities: the candidus of white and selected flour, the secundarius white bread of a mixture of flours and the plebeius or rusticus a whole grain bread.

Here you have the majority of what made up an ancient Roman’s diet. Wheat, barley, oats, rye, and millets were all strong staples in a Roman diet, especially wheat and barley. As it is commonly known, wheat and barley are the ingredients needed to make bread and porridge, which was the most common food found in a Roman home. It is best, however, to remember, bread during the time of the ancient Romans was much coarser and dark in color. The richer you were the finer in texture and lighter in color the bread would be, but compared to today’s standards, it would still be quite coarse and dark.

From the merchants and wealthy Etruscans, derived the habit of eating more proteins coming from venison and farm animals. And when the Romans came in contact with the Greeks of the Magna Greece they were affected by the influence of them and, people started to utilize also olives and grapes, which before were only used for religious rituals. Then, with the conquest of the Eastern countries and the Age of Augustus, during an era of relative peace known as the Pax Romana, when the commerce with the East was very intense, came to Rome everyhing good and beautiful the earth is able to produce, and the Romans became more sophisticated when choosing what to eat in their meals. The food was not only intended as a mean of survival, and, with the use of the spices and goods coming from the other countries, it became a culture for food and a research  for the taste.

1024px-Pompejanischer_Maler_um_70_001.jpg

Fruit was also grown or harvested from wild trees and often preserved for out-of-season eating. Apples, pears, grapes, quince and pomegranate were common. Cherries, oranges, dates, lemons and oranges were exotic imports. Honey was the only sweetener. Eggs seem to have been available to all classes, but larger goose eggs were a luxury.

The Romans were cheese-making pioneers, producing both hard and soft cheeses. Soldiers’ rations included cheese and it was important enough for Emperor Diocletian (284-305 A.D.) to pass laws fixing its price. Pliny the Elder wrote on its medicinal properties. Much of the Roman diet, at least the privileged Roman diet, would be familiar to a modern Italian. They ate meat, fish, vegetables, eggs, cheese, grains (also as bread) and legumes.

Meat included animals like dormice (an expensive delicacy), hare, snails and boar. Smaller birds like thrushes were eaten as well as chickens and pheasants. Beef was not popular with the Romans and any farmed meat was a luxury, game was much more common. Meat was usually boiled or fried – ovens were rare.

A type of clam called “telline” that is still popular in Italy today was a common part of a rich seafood mix that included oysters (often farmed), octopus and most sea fish.

The Romans grew beans, olives, peas, salads, onions, and brassicas (cabbage was considered particularly healthy, good for digestion and curing hangovers) for the table. Dried peas were a mainstay of poorer diets. As the empire expanded new fruits and vegetables were added to the menu. The Romans had no aubergines, peppers, courgettes, green beans, or tomatoes, staples of modern Italian cooking.

1

For the ordinary Roman, ientaculum was breakfast, served at day break. A small lunch, prandium, was eaten at around 12 am. The coena was the main meal of the day. They may have eaten a late supper called vesperna. Richer citizens in time, freed from the rhythms of manual labour, ate a bigger cena from late afternoon, abandoning the final supper.

The coena could be a grand social affair lasting several hours. It would be eaten in the triclinium, the dining room, at low tables with couches on three sides. The fourth side was always left open to allow servants to serve the dishes.

Diners were seated to reflect their status. The triclinium would be richly decorated, it was a place to show off wealth and status. Some homes had a second smaller dining room for less important meals and family meals were taken in a plainer oikos.

Àpat_romà.jpg

While all Roman’s would eat similar diets with ranges in quality depending on wealth and status, they did not eat in similar styles. Basically, Romans of lower status lived in small homes that did not have a kitchen so they would often take food to a baker and have it cooked there or use an ancient form of take-out while the Romans of higher status would eat at home with food cooked by their slaves.

After all, they are the ancestors of some of the most delicious food creators our world currently has. It only makes sense that Italians’ ancestors also ate a variety of amazing food too. If you live near the water, it’s a guarantee that seafood is probably a common part of your diet. That’s definitely the case with ancient Romans. Fish and shellfish were a common and useful source of protein in the Roman diet, however, supply was rather irregular and not dependable. But clever Romans being clever Romans found ways to work around this by preserving fish and farming them in artificial salt and fresh-water ponds. This allowed fish to be eaten either fresh, dried, salted, smoked, or pickled on regular occasions.

For most Romans, meat was pretty darn pricey, so meat (either poultry, wild game, pork, veal, mutton, or goat) was often prepared in small cuts or sausages. But for the wealthier Romans, meat was a decadent way to show off their riches. They did eat the same type of meat as other Romans, but they also ate a much larger variety. For example, the variety of birds eaten is astonishing. They ate anything from partridges to pheasants, doves to quails, flamingos to peacocks, ostriches to parrots.

If there was something ancient Romans did not lack in their diets it was fruits and vegetables. Of course, the most popular fruits include grapes and olives. A Roman diet would not be complete without the inclusion of wine and olive oil. Roman life would arguably not have been the same without those essentials. Now, what may be surprising is a number of fruits and vegetables Romans did eat; apples, figs, pears, plums, cherries, peaches, beans, lentils, and peas. And Romans being their typical genius selves were able to preserve fruits and vegetables for significant amounts of time by pickling them in either brine or vinegar or preserved them in wine, grape juice, or honey.

 

Appuntamento imperdibile a Sutri!

Quale migliore occasione per visitare l’anfiteatro ed il meraviglioso Mitreo di Sutri? Siete ufficialmente invitati a questa passeggiata all’interno dell’area protetta e successivamente nella sala principale di Villa Savorelli verrà presentata la nuova edizione delle guide “Luoghi segreti a due passi da Roma”.

Appuntamento al parcheggio dell’anfiteatro romano alle ore 14,30.

prenotazione per la partecipazione gratuita sulla pagina Facebook oppure tramite mail a:

lauraberretta@rocketmail.com

Sutri  1 dicembre locandina-001.jpg

 

Alba Fucens un gioiello romano nascosto tra i monti d’Abruzzo

Alba Fucens: an ancient Roman jewel in the mountains of Abruzzo!

Sulla Tiburtina Valeria costruita dal console Marcus Valerius Maximus, a circa una giornata di viaggio (antico) da Roma vi è Alba Fucens che era una bella cittadina di più di 6,000 abitanti che si affacciava sul lago del Fucino. Oggi purtroppo il lago non esiste più perchè è stato incanalato per rendere la piana del Fucino completamente coltivabile, ed anche le temperature sono scese drasticamente se pensate che a causa del repentino cambio di peso del suolo verso il 1915 ci fu nella zona un terremoto terrificante che uccise circa 15,000 persone. La zona anticamente era piena di olivi, da questo deduco che il clima era molto mite rispetto al presente.

On the Tiburtina Valeria road that was built by the consul Marcus Valerius Maximus around 286 B.C. and reached Ostia Aterni the modern Pescara on the Adriatic Sea, at about a day travel (ancient time) from Rome, there is the castrum of Alba Fucens a beautiful town of more than 6,000 people on the Fucino lake. Altough today the lake does not exist anymore, because it has been channeled to let the fertile soils be entirely cultivated and for this reason the temperatures of the site have probably reduced drastically since then. Because of the different weights due to waters the lake, around 1915, when it was completely drained, there had been a terrible earthquake in which about 15,000 people died. The site was in fact entirely cultivated with olives and wine and, this meant that the weather was definitely cooler than it is now.

La città era situata all’intersezione dei territori abitati dai Marsi e dagli Equi, fu a lungo contesa fra i due popoli. Divenne colonia romana nel 303 a.c., ma solo successivamente le fu attribuito lo stato di municipio.
Sempre alleata di Roma, la difese contro Annibale nella seconda Guerra punica e le rimase fedele anche durante la Guerra Sociale. Per aver preso le parti di Mario contro Silla, il suo territorio fu lottizzato (centuriazione), e dato ai veterani dei luogotenenti di Silla. Coinvolta nella guerra tra Pompeo e Cesare, la città divenne roccaforte degli anticesariani comandati da Domizio Enobarbo che più tardi si arrese a Cesare.
In età imperiale fu luogo ricco e prospero come testimoniano i resti archeologici, tra cui un imponente anfiteatro voluto dal prefetto Macrone. Quest’ultimo, condannato da Caligola, per evitare la confisca dei beni decise di suicidarsi, ma prima, per lascito testamentario, fece costruire l’anfiteatro ad Alba Fucens, sua città natale.

The town was located in the lands of the Mars and Equii, who inhabited the region long before the Romans. And became a Roman colony in 303 B.C. However only long after considered a Roman municipality. It was a loyal ally of Rome, defending the capital against Hannibal in the second Punic War and during the internal civil wars between 88 and 87 B.C. which eventually led to the dissolution of the Roman Republic. Since it was in favour of Gaius Marius against Sulla, its territory was lotted (centuriatio) and given to the veterans and lieutants of Sulla. Involved in the war between Julius Caesar and Gnaeus Pompeius Magnus the town became a stronghold against caesareans controlled by the consul Gnaeus Domitius Ahenobarbus who later surrendered to Julius Caesar.

During the Imperial times it was a rich and prosperous as the archaeological remains of the site reveal, among which an immensely beautiful amphiteather built by the prefect Macronus. The history told us that he was condemned by Caligula and before he could confiscate all his properties he made will to built the amphitheater in his natal town, Alba Fucens.

 

RICOSTRUZIONE.png

Tra le rovine di Alba Fucens riportate alla luce si possono ammirare il macellum o mercato, le terme, ricche di mosaici con raffigurazioni marine, i bagni, maschili e femminili, e il sacello di Ercole.

In the site we can see the macellum, the market and the thermal baths which are rich of mosaics with marine representations and the sacellum of Hercules.

Strutturata come un tipico forte romano, la città si sviluppa lungo una griglia di cardi e decumani. Percorrendo il decumano massimo (Via del Miliario), è possibile visitare i resti di un’antica domus romana divisa in vani con i caratteristici mosaici, i muri a secco, gli spazi votivi, e passeggiare fra le colonne del peristilio rialzate dagli archeologici. Di particolare fattura la pietra miliare raffigurante un combattimento di gladiatori con un’iscrizione dedicata all’imperatore Magnenzio che indica la distanza da Roma (68 miglia romane). All’opposto, lungo la via cosiddetta dei Pilastri, si trovano le taberne con i pavimenti originari, le condutture di piombo dei lavandini e i banconi per la mescita.

The town was structured as a typical Roman castrum and developed along the Cardo and Decumano, which was a distinctive perpendicular shape of two streets crossing each other. In the principal decumano, one can see the remains of an ancient Roman domus (villa) with rooms decorated with mosaics, votive spaces dedicated honour the Gods and places to walk among the columns of the peristilium. There is a very beautiful milestone in which there is a representation of a gladiators’ fight dedicated to the emperor Magnentius and showed the distance of the town from Rome (68 Roman miles). On the other side, in the Pilasti road, there are the taverns with the original pavements, the Roman lead pipes of the sinks and the counters used to show and sell the goods.

The massive walls of the town are still well preserved and was more than 3km of circumference.

Ben conservate sono le mura ciclopiche a difesa della città che contava quattro porte e si estendava per ben 3 km intorno all’abitato.
I resti del teatro cittadino, situato sul Colle Pettorino, uno dei tre contrafforti naturali del luogo, lasciano immaginare come fosse ricca la vita culturale di Alba Fucens finanziata dai ricchi commercianti dell’epoca.
Tra le rovine di Alba Fucens riportate alla luce si possono ammirare il macellum o mercato, le terme, ricche di mosaici con raffigurazioni marine, i bagni, maschili e femminili, e il sacello di Ercole.
La città sotterranea, esplorata per la prima volta dall’archeologo irlandese Dodwell, rivela un efficiente sistema fognario (la cloaca maxima) in opus poligonale, un esempio unico in tutta Italia ancora oggetto di studio da parte di archeologici e speleologi.

Di particolare interesse è la Chiesa di San Pietro del XII secolo, semidistrutta dal terremoto del 1915. Costruita sul colle più alto, al di sopra di una cripta pagana appartenente al Tempio di Apollo, la chiesa cristiana conserva ancora testimonianze scultoree, come le colonne tortili della parete divisoria (iconostasi), di scuola cosmatesca.
Di gran pregio è l’abside della chiesa che nella parte esterna è decorata da motivi teriomorfi.

Il sito merita una visita ma ovviamente in autunno ed in estate perché essendo in montagna è molto freddo in inverno ed esposto ai venti.

Due super esploratori in missione speciale a Sutri!

Una mattinanata assieme a due grandi amici per esplorare il Parco Regionale di Sutri con il suo incredibile anfiteatro romano e altrettanto meraviglioso Mitreo!

I due super esploratori in azione e sempre accompagnati dal famoso Basilico!

Grandi avventure assieme a loro ed imperdibili escursioni in tutta la Tuscia!

Dopo aver girato tutta l’area protetta ci siamo salutati perché loro hanno ripreso il cammino verso un altro luogo da esplorare! Buona passeggiata!

Castellum Axia vicino Viterbo un luogo magico da visitare!

Sovr’a’ sepolti le tombe terragne, portan segnato quel ch’elli eran pria

In the rupestrian tombs are engraved the names of the people they were before

(Dante Purgatorio)

Nella campagna vicino Viterbo, è situata la necropoli di Castel D’Asso, come descritto da Cicerone e chiamata la città di Axia, un luogo non molto visitato ma di una bellezza incredibile. Il sito è facilmente raggiungibile: dalla superstrada che collega Orte a Tarquinia prendere l’uscita delle Terme dei Papi e seguire le indicazioni per la necropoli.

Lo stile di questi monumenti, la loro semplicità e grandezza ci ricorda molto quelli egiziani con i quali gli etruschi avevano stretti rapporti commerciali.

In the countryside near Viterbo it is possible to visit (even if it is a quite abandoned site) the Etruscan Necropolis of the ancient Axia as mentioned by Cicero. The place is very easy to be reached, obviously by car exiting from the “superstrada” from Orte to Tarquinia to the “Terme dei Papi” and then following the old signals.

The general style of these monuments, their simplicity, massive grandeur, and strong Egyptian features testify to their strong commercial relationships. Also it is visible in the remarkable plainness of the sarcophagi, and by the archaic character of the rest of their furniture.

Onthe opposite Cliff of the necropolis there was the ancient town, on the intersection of the rio Freddano and the Arcione.

Here, accordingly, beside the numerous remains of the middle ages, to which the castle wholly belongs, may be traced the outline of a town, almost utterly destroyed, indeed, but, on one side, towards the east, retaining a fragment of its walls in several courses of rectangular tufo blocks, uncemented, which have every appearance of an Etruscan origin. The site is worthy of a visit for the fine view it commands of the tomb-hewn cliffs opposite. The extent of the town, which is clearly marked by the nature of the ground, was very small, about half a mile in circuit.

What may have been its ancient name is not easy to determine. By some it has been conjectured to be the Fanum Voltumnae, the shrine of the great goddess of the Etruscans, where the princes of Etruria used to meet in a grand national council. However the Etruscan appellation it is still not known.

snapseed-128

map.gif

1.jpg

Le tombe sono posizionate sulla parete tufacea situata di fronte al rio Arcione e sono scolpite nella roccia abbastanza simili a quelle che si possono osservare nella necropoli di S.Giuliano di Barbarano Romano ma, la caratteristica principale è nella loro dimensione. Entrando dentro una di queste come si vede dal breve video che ho inserito qui sotto, la cosa che colpisce di più è la quantità di sepolture contenute all’interno. Vale la pena organizzare una passeggiata nella campagna specialmente in autunno o in primavera, mentre eviterei i periodi di grande caldo proprio per la posizione molto assolata del luogo.

Buona passeggiata, ricordate di portare con voi acqua perché non vi sono attorno fonti dalle quali poter prenderne!

La chiesa rupestre di Santa Fortunata i Templari e la fonte miracolosa

Situata proprio in un tratto di campagna di fronte alla Via Francigena nel percorso da Sutri verso Campagnano di Roma di circa 23,8 Km, che tra l’altro sarà da me descritto in uno dei prossimi articoli di questo blog, la chiesa rupestre di Santa Fortunata ha una storia millenaria ed è parte di un altro mistero che avvolge la sua storia. Siamo all’incirca verso l’anno mille, in un momento storico di grande problematiche spirituali, essendo stata predetta la fine catastrofica del mondo al passare del secolo, cosa che fortunatamente come nel 2000 non è avvenuta ma, di sicuro era un momento di grandi cambiamenti e di forti instabilità.

snapseed-115

In un atto del 1023 si scopre l’esistenza di una Sancta Fortunata de Sutrio la cui chiesa aveva anche annesso un monastero benedettino, anche questo completamente dimenticato che era sorto su precedenti sepolture etrusche e, probabilmente, su un preesistente culto arcaico. Il culto arcaico che è uno dei misteri della nostra storia. Trovare la chiesa di Santa Fortunata a Sutri è abbastanza semplice, abbiamo praticamente l’indirizzo e ci si può arrivare perfino comodamente in macchina. E’ in località Pian Porciano, appena fuori porta Romana, poco distante dalla Cassia, ed è all’inizio della Strada dei Creti.

snapseed-118

Bisogna valicare quello che oggi è un torrentello che nel catasto pontifico veniva denominato come Fosso di Monte la Guardia. Una denominazione che ci conferma la sua funzione di controllo. Il corso d’acqua  scorre ancora oggi sebbene in proporzioni più modeste a sud del complesso. Un tempo, avreste dovuto sicuramente pagare un pedaggio per attraversarlo.

snapseed-119

Fonti medioevali attestano che su questo corso d’acqua vi era un mulino, utilizzato dal convento annesso alla chiesa oggetto del nostro viaggio nel tempo. Le stesse fonti parlano di “canapine” installate nei terreni adiacenti alla chiesa, dal che se ne deduce che i monaci coltivavano la canapa per tessere i manufatti di tela ed quant’altro veniva creato con la stessa.

snapseed-117

Si trattava comunque di uno dei guadi protetti dai Cavalieri Templari. La “mansione” sutrina, insieme a quella di Viterbo di Santa Maria in Carbonara era tra le più importanti della zona. Sutri era sosta obbligatoria per i pellegrini o Romei che si recavano a San Pietro e cercavano di girare al largo dalla Selva Cimina, l’orrido bosco che, fin dai tempi degli antichi romani incuteva una misteriosa e atavica paura essendo considerata un bosco impenetrabile.

snapseed-111

Dopo Sutri si raggiungeva come ho detto sopra la valle del Baccano, quindi Campagnano e poi si entrava a Roma.Il toponimo di Monte la Guardia però viene a sostituire uno precedente e molto più antico, quello di Mons Sanctae Fortunatae, il che porterebbe ancora più indietro nel tempo la chiesa di santa Fortunata e il suo monastero. Della chiesa completamente in abbandono come si vede dalla foto resta ben poco così come del resto del monastero e della famosa sorgente miracolosa. Era questa una fonte dove le partorienti si recavano per berne l’acqua,  tradizione che stranamente, è documentata proprio a partire dal periodo intorno della costruzione di questa chiesa e durata fino agli anni ’60.

snapseed-120

La cosa strana è che nessuna fonte ne parla in tutto il periodo precedente come non fosse esistita. Al lato della chiesa diroccata ecco che si apre di fronte a noi, la vera chiesa rupestre di Santa Fortunata, quella che spesso è stata confusa con delle tombe etrusche, e quando si entra  l’oscurità che ci circonda, ci porta indietro nel tempo quando antichi monaci benedettini si aggiravano per questi luoghi con le loro tuniche e i cappucci e, ancor prima, solitari anacoreti raccolti in silenziose preghiere con se stessi. Questo è un luogo arcaico e pieno di energia. Ancora una volta siamo nel grembo delle rocce, fasciati dal buio, ma anche le cose oscure tendono a schiarirsi, è solo questione di tempo, quel tempo che, in definitiva, è lo scopo dei nostri viaggi, quel tempo che anche qui scorre in una dimensione diversa sospesa tra mistica favola e realtà.

snapseed-114

Le analogie con il Mitreo poco distante diventato in seguito la chiesa di Santa Maria del Parto, sono immediatamente evidenti. Ambedue i luoghi di culto sono rupestri, ambedue sono sorti su tombe etrusche scavate nel tufo e molto probabilmente anche Santa Fortunata si innesta su un culto precedente non cristiano. L’oscurità di questo luogo è la caratteristica predominante di questo ambiente, anche a causa della parete ovest, della chiesa rinascimentale che non permette più alla luce di filtrare come un tempo doveva essere. E’ del tutto evidente che dopo la costruzione della chiesa del XV secolo, i locali dove siamo rimasero completamente al buio e di difficile utilizzo a meno di illuminarli con torce e fiaccole.

 

Quando si arriva nell’abside un muro ne sbarra l’entrata ed in altro a destra ancora si percepiscono degli affreschi e si vede il canale di tufo dalla quale sgorgava la fonte utilizzata fino agli anni ’60. Sulla volta si vede la Croce delle Beatitudini, un segno mariano legato al culto di Maria. Questa chiesa è tutta al femminile e ci deve essere un motivo preciso, perché santa Fortunata non ha nulla a che vedere ne con il parto, ne tanto meno con le nascite, e qui in questo luogo, è invece presente una fonte miracolosa legata alla maternità.

snapseed-122

Mentre di fronte sulla Cassia vi è Santa Maria del Parto ma anche mitreo legato al culto del Dio Mitra e del Sol Invictus. Come il nodo di Salomone anche la Croce delle Beatitudini è un simbolo antico e precedente al cristianesimo, ed ambedue questi simboli sono nel bagaglio ideologico, culturale e religioso dei Cavalieri Templari che erano di stanza proprio a Sutri.

snapseed-121

Sicuramente la storia del monastero e di questa chiesa hanno radici molto più antiche e risalgono a culti pagani romani che con la caduta dell’impero sono stati sostituiti e riadattati ai nuovi tempi cristiani. Vi consiglio comunque di passare per questo luogo di grande energia che purtroppo oggi è stato completamente dimenticato!

 

 

Le antiche strade medievali: una giornata a piedi sulla Via Francigena (percorso nella Tuscia da Vetralla a Sutri)

La Via Francigena, Franchigena, Francisca o Romea, è parte di un fascio di antiche vie, che venivano chiamate strade romee e che partivano dal nord Europa e conducevano fino a Roma e poi sino in Puglia dove erano situati i porti dove i pellegrini ed i crociati si imbarcavano per raggiungere via mare la Terra Santa.

Dal nord Europa, vi erano nel Medioevo tre peregrinationes maiores: Roma per visitare la tomba di Pietro, Santiago di Compostela ed infine la Terra Santa per andare a Gerusalemme. Proprio per questo l’Italia era percorsa continuamente da pellegrini provenienti da ogni parte d’Europa.

I primi documenti che citano l’esistenza della Via Francigena, risalgono al XI secolo e si riferiscono ad un tratto di strada tra Chiusi e la Provincia di Siena. Mentre già nel X secolo il Vescovo Sigerico scrisse del percorso effettuato per essere ricevuto dal Pontefice per ottenere il pallium (mantello liturgico) e poi ritornare a Canterbury. Il documento di Sigerico rappresenta una delle testimonianze più significative di questa rete di vie di comunicazione europea in epoca medievale ma non esaurisce le molteplici alternative che giunsero a definire una fitta ragnatela di collegamenti che il pellegrino percorreva a seconda della stagione, della situazione politica dei territori attraversati, delle credenze religiose legate alle reliquie dei santi.

Da qui la mia idea di voler condividere con voi un piccolo tratto vi questo meraviglioso percorso, dopo averlo fatto io stessa innumerevoli volte sia in mountain bike che per alcuni tratti a piedi. Il tratto della Via Francigena in oggetto è quello che attraversa zone di noccioli e querce meravigliose dalla stazione di Vetralla sino alla bella cittadina di Sutri per un totale di circa km 23,6.

Una camminata piuttosto lunga per persone non esattamente alle prime armi, forse sarebbe bene essere dei camminatori non esperti ma comunque abituati a stare tutto il giorno in giro all’aria aperta.

E’ consigliato utilizzare scarponi troppo pesanti visti i km da percorrere e sicuramente acqua in abbondanza dato che non è possibile trovare fonti sino a Sutri. In caso di giornata di sole utilizzare cappello perché molti tratti del percorso non sono alberati.

Per raggiungere Vetralla utilizzerei il treno regionale da qualsiasi stazione di Roma sino alla stazione sopra citata, mentre al ritorno da Sutri è consigliabile prendere le linee di autobus che vi porteranno sino a Saxa Rubra dove il trenino vi può portare sino a P.zzle Flaminio e la metropolitana vi riporterà alle vostre autovetture.

In fondo ho inserito un link generale della Via Francigena dove cliccando sul tratto interessato vi potrà far capire bene quale sentiero scegliere mentre state camminando. Direi che questo tratto di strada merita di essere scoperto perché è facilmente raggiungibile con i mezzi ed è affascinante. Inoltre il borgo antico di Sutri, il mitreo e l’anfiteatro valgono nel finale veramente la pena di essere visitati. Il grande prato del parco permette inoltre con i tavoli di poter effettuare la sosta per mangiare, vi è una fontanella per poter bere e vi sono i servizi igienici utilizzabili da tutti.

https://www.viefrancigene.org/it/llmap/?layer=statictrack.1&id=354&highlight=/it/resource/statictrack

Buona camminata pellegrini dell’era moderna!

Il lago di Bolsena una meraviglia della natura ed un possibile portale per il misterioso regno di Agharta?

Vi propongo un’altra bella passeggiata nel territorio della misteriosa Tuscia Viterbese, non troppo lontano dalla capitale ma che vale veramente la pena di visitare. Il lago di Bolsena: questo posto possiede una storia millenaria ma oggi non voglio soffermarmi sulla storia etrusca o romana ma, tornare indietro sino all’esistenza del  popolo di Atlantide.

 Questa di storia ha inizio quando Willis George Emerson scrive nel 1908 “The Smokey God or A Voyage to the Inner World” cioè l’autobiografia di un marinaio norvegese chiamato Olaf Jansen. Emerson racconta di come Jansen abbia navigato all’interno della Terra attraverso un’apertura presso il Polo Nord. Per due anni sarebbe vissuto con gli abitanti di questo regno il cui mondo sarebbe illuminato da un “Sole centrale fumoso”. Il padre sarebbe rimasto ucciso durante il ritorno, il figlio ricoverato come pazzo. Il resoconto sarebbe stato dato dal figlio, che dopo la dimissione dal sanatorio si sarebbe stabilito in California, e che novantenne avrebbe deciso di rendere pubblica la vicenda. Malgrado nel racconto di Emerson non si faccia il nome di Agartha, esso vi è stato associato in opere successive. Shambhala “la Minore”, una delle colonie di Agartha, era la sede del governo del regno. Mentre Shambhala consiste in un continente interno, le altre colonie satelliti sono degli agglomerati più piccoli situati all’interno della crosta terrestre o dentro le montagne. I cataclismi e le guerre avvenute sulla superficie spinsero il popolo di Agarthi a stabilirsi sotto la terra.

Il racconto di Emerson è considerato una delle prime fonti della credenza sulle civiltà sotterranee. L’esistenza di Agartha è stata considerata seriamente da numerosi europei.  Il Regno di Agharta con la sua capitale Shamballah sarebbe il luogo dove si sono rifugiati i superstiti di Atlantide, una razza con conoscenze superiori che hanno la possibilità di utilizzare una energia  infinita chiamata Vrill, tale popolo con queste conoscenze superiori riesce a muoversi in tutto l’universo. Anche i tedeschi nella Seconda Guerra Mondiale erano convinti del fatto che all’interno la Terra fosse cava e nella quale vive questa popolo unico. Ovviamente ai poli esisterebbero gli accessi principali così come in varie altre parti della nostra terra.

La leggenda era divenuta talmente reale che alcuni sottomarini tedeschi vennero mandati in esplorazione al Polo Nord per cercare l’entrata a questo mondo sotterraneo, e vi sono documenti che attestano che ci riuscirono e perfino scrissero tutte le istruzioni per poter raggiungere tale portale sotterraneo. Ai poli esisterebbero gli accessi principali ma non solo, vi sarebbero accessi in varie altre parti della nostra terra.

img_7180

La cosa più incredibile è che non bisognerebbe andare tanto lontano per trovarne uno perché sarebbe proprio sull’isola Bisentina al centro del lago di Bolsena. Magari la curiosità vi potrebbe spingere a fare un giro in battello per osservare dall’esterno questo luogo. L’isola ovviamente è privata e non è possibile potervi accedere e come ogni mistero non è ancora risolto! Nelle mie prossime avventure sul posto cercherò di recarmi proprio sull’isola con l’autorizzazione dei proprietari così potrò documentare dal vivo se esiste davvero questo portale!