Un giro in bici da paura: il Lacus Ciminius ed il fantasma di Cibilla Octavia visibile solo nelle notti di luna piena!

Il lago di Vico o Ciminius è una zona dalle caratteristiche naturali fantastiche. La sua posizione di 507 metri di altitudine lo rende il lago più alto d’Europa ma, non solo. Il lago ha praticamente una storia millenaria tanto che la leggenda vuole che sia stato creato dal semidio Ercole che recatosi in questa selva in cerca delle ninfe Melissa ed Amaltea venne osservato dalla gente del posto per la sua prestanza fisica e gli venne chiesto di dare una dimostrazione della sua forza. Egli forse infastidito dalla loro licenziosità, scagliò la sua clava con tutta la sua forza, conficcandola nel terreno. Poi con tono altezzoso invitò i presenti ad estrarla dal posto dove si era conficcata. Uomini di ogni fattezza, gagliardi, muscolosi e presuntuosi cercarono invano ma tutti fallirono. Alla sera stanco di aspettare il figlio di Zeus decise di scendere e strappò con forza la clava del terreno, sotto le urla e l’eccitazione della gente presente ma, poco dopo dal foro dove poco prima era conficcata la clava sorgò così tanta acqua che in poco tempo inondò i prati circostanti sino a creare quello che oggi conosciamo come il bellissimo Lago di Vico.

Il lago in autunno è la meta ideale nelle giornate di sole come questa in foto per fare una escursione naturale e godersi la natura rigogliosa che offre questa parte della Tuscia Viterbese. Essendo il giro completo del lago solamente 21 km è anche possibile fare una bella passeggiata a piedi. La parte meno transitata dalle autovetture è quella dalla spiaggia della Bella Venere sino all’imbocco della strada che sale in cima a Monte Fogliano verso S. Martino al Cimino.

800px-Viae_Cassia_Aurelia_Clodia.jpg

Questa è una area archeologica etrusco-romana molto interessante: passava qui sul versante di Sutri l’antica Cassia e proprio a Vetralla era situato il Forum Cassii di cui si hanno tante indicazioni ma di cui realmente non è stato scavato quasi nulla. La zona si presta a tante leggende e quella di Cibilla potrebbe essere una delle tante. La presenza di una donna che in vesti bianche con un panneggio antico è visibile solo nelle notti di luna piena. In questi giorni di cielo sereno e luna piena, andrò alla ricerca di questa presenza e vi racconterò cosa sarò riuscita a vedere! E visto che la festa di Halloween si avvicina io mi preparo a qualcosa di terribilmente pauroso!

Pubblicato da

3lifeblog

Former National Triathlon athlete, now ancient and forgotten sites hunter, mountain biker and open waters swimmer. Love ancient Romans and Etruscan civilizations. Follow my discoveries!

1 commento su “Un giro in bici da paura: il Lacus Ciminius ed il fantasma di Cibilla Octavia visibile solo nelle notti di luna piena!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...